REVIEWS FOR "THE SHADOW OVER INNSMOUTH" FULL LENGHT 2015

 

- METAL MANIAC MAGAZINE (GENNAIO 2015):

Bretus = Doom!
E la recensione potrebbe anche finire qui;
dopo il buon "In Onirica" del 2012, la band di Catanzaro decide che è il caso
di fornire di connotati adatti la musica che riempie il CD in questione ed
allora ecco che H.P. Lovecraft e uno dei suoi incubi,
cosa peraltro già sperimentata nel primo mini del 2009,
diventa il fulcro importante di questo incubo doom,
direi che è una scelta più che azzeccata,
cosa c'è di più terrificante delle visioni dello scrittore di Prividence?
Forse solo Poe, e questo potrebbe essere un suggerimento per il prossimo album dei Bretus,
ma adesso la realtà è "The Shadow Over Innsmouth", fangoso esempio di come si possa oscurare il sole con pezzi 
neri come la pece, a cominciare da "The Curse Of Innsmouth", più vicina allo stoner,
per passare da "The Oath Of Dagon", dove gli incubi rallentati cominciano a prendere forma,
fino alla conclusiva "A Final Journey", chiosa terrificante di un album che riesce a convertire
la musica in immagini spettrali, soprattutto grazie alle tetre e malsane vocals di Zagarus,
sorta di macabro nocchiero con le sembianze di un' incrocio tra Bobby Liebling (Pentagram) 
e Scott Reagers (Saint Vitus),
ben coadiuvato dagli altri spettri, pardon, compagni di viaggio nelle tenebre,
i seminali Ghenes (Chitarra), Azog (Basso), Striges (Batteria) che scavano nel nostro animo,
insinuandovi paure che neanche riusciremmo ad immaginare.
I Bretus sono un'entità maligna, ma superiore e forse, come i racconti di Lovecraft, inarrivabli!
9/10
 
 
ROCK HARD (Febbraio-Marzo 2015):
 
Nell'arco di quindici anni di carriera i Bretus non si sono certo distinti
in virtù di una produzione discografica particolarmente prolifica,
fattore che tuttavia non ha impedito alla band di attirare a sè positivi consensi in termini
di critica e riconoscimenti anche a livello internazionale.
The Shadow Over Innsmouth, tributo al genio letterario di H.P. Lovecraft,
incarna la quintessenza del più cupo e sulfureo doom metal, enfatizzato anche attraverso una registrazione
volutamente dimessa e di basso profilo.
La vena oscura della band ne esce tuttavia rafforzata, al punto che si ha quasi
la sensazione di trovarsi al cospetto di una produzione d'altri tempi.
Le atmosfere decadenti tratteggiate dal grupo risultano fumose ed avvolgenti,
il suono ovattato ed essenziale, l'incedere grave e funereo.
Tra echi sabbathiani e lamenti lugubri che riportano alla memoria il buon Danzig dell'era
Samhain, l'album in questione estende le sue spire perverse senza lasciare scampo, è
una solenne processione notturna quella evocata dal gruppo, capace di generare pathos drammatico
di grande spessore emotivo.
7/10
 
 
-YMBDAD BLOGSPOT: http://ymbdad.blogspot.it/2015/03/bretus-shadow-over-innsmouth-album.html
 
 
I've been sitting on this potboiler for about three months now, keeping mum about it and it's been killing me. I wanted to hold off on talking about this album until there was a solid timetable for its release. Well, I still haven't seen an exact date for its release from Blood Rock Records, but the band said March, so that's close enough.
 
Bretus's new album is riffier and probably better than its predecessor, 'In Onirica' which I happened to like a great deal (two years ago this month I posted the review at this location). While the new album has lost some the prog appeal of the last one, it aligns more closely with throwback metal bands like Devil or Demon Eye, whose albums made the top three in my best of lists for 2013 and 2014 respectively, so you know I'm biased towards this kind of sound to begin with. But why wouldn't I be? This is exactly what I'm looking for: it's heavy, riffy, sounds like the kinds of albums I'd heard in my uncle's basement suite in the mid-80's and isn't alienatingly overproduced.
 
The first bit of info about the album I'll arm you with is that it's a concept album. As your inner Sherlock Holmes can surmise 'The Shadow Over Innsmouth' is about the seminal H.P. Lovecraft tale of the same name. The story is broken down here, quite well actually, with each song title breaking down the story in chronological order. Interestingly, I was in the middle of reading this story when the album was sent to me. Still am in fact because as a pure piece of writing, it's not one of Lovecraft's best. But the story resonates. It's about "otherness" and true alien-ness, and perhaps in a bout of self-awareness, Lovecraft turned the tables on himself, to see his xenophobia through the other side of the lens. Or maybe he was just trying to shock. None if which is here nor there really.
 
'The Shadow Over Innsmouth' is full with riffs the way a mother shark is full with shark babies. The crispest example is third track "Captain Obed Marsh". I put it on a podcast weeks ago and I still haven't gotten over this song. The whole first half of the album is a gallery of riffs, the Italian band puts on a clinic here.
 
On the second half of the album, the mood darkens considerably, starting with "The Oath of Dagon" as narrator Robert Olmstead runs into increasing danger. The atmosphere grows darker and increasingly frantic and claustrophobic. The listener loses some of "easy-listening" nature of those bright, memorable side one riffs on side two, but by then you're already knee deep in the story of the album and pulled along compulsively. That said, the darker side isn't without its thrills. "The Horrible Hunt" stands alone, musically with its cycle of almost black metal riffing, near thrash tempo and doom metal bridge. It's a tour de force.
 
If the idea of adapting Lovecraft's famous tale appeals to you, you should check out the 2001 film Dagon from director Stuart Gordon (the best interpreter of Lovecraft's stories). It's a loose adaptation of "The Shadow Over Innsmouth" that plays a bit like Night of the Living Dead with horribly deformed fish people in the place of zombies. I recommend it as highly as I do this album.
 
It was incredibly difficult not to put this album in my top 2014 list, but I wanted to play by the rules, this album being destined for a 2015 release, it didn't belong on a 2014 list. But I can tell you right now, that this album is best of 2015 list bound. Three months after first hearing it, I haven't stopped listening to it and I'm sure that this album will take its place among the two albums mentioned above along with Magister Templi's 'Lucifer Leviathan Logos' as timeless metal albums that will never grow old.
 
4,5/5
 
 
 
AVE NOCTUM: http://www.avenoctum.com/2016/01/bretus-the-shadow-over-innsmouth-blood-rock-records/
 
 
Let me take you on a little journey back in time, back to when I imagine the members of Italian doomsters Bretus were not even twinkles in the eyes of their parents. The year is 1982, and yours truly is a youngster at secondary school, confounding would be bullies by being both a bookish Sci-fi fan as well as being a big old rugby playing lump. Chess had given way to such bizarre tabletop activities as Dungeons and Dragons, Rune Quest, and inevitably Call of Cthulhu. To try and get some of the atmosphere of the background of that game, for 50p at my local second hand book shop I purchased my first ever HP Lovecraft paperback, ‘The Shadow Over Innsmouth and Other Stories of Horror’, the Scholastic Book Services version printed in 1971 to be precise, a book that started my continuing love affair with all things Cthuloid, and the very book which is next to me on the desk as I type this review. Let us just say, by producing a concept album based on the very story that started me down this path, Bretus have found in me a very eager listener.
 
The ‘Intro’ does well to evoke the rain sodden and broken down atmosphere of the town of Innsmouth, a fictional American coastal settlement that is as much a character in the story as any of the protagonists, its dilapidation being established lyrically in ‘The Curse of Innsmouth’ by band vocalist Zagarus sounding to all the world like a young Scott Reagers, his occasionally drawn out howls mating perfectly with the chugging mid paced doom number. Over the sound of crashing waves the song segues into ‘Captain Obed Marsh’, a harder and heavier thudding track that opens in a manner that is more than a little reminiscent of one of Motorhead’s slower songs with a riff designed to have heads banging before the pace slows and the fuzz rolls in like a fog from the sea. After an unsettling and slightly discordant opening ‘Zadok Allen’ builds up a slow inexorable head of steam, a track that sounds like a Saint Vitus track where the normal lyrics of drugs and depression have been replaced by a tale of supernatural aquatic beasts, whilst the following number ‘The Oath of Dagon’ has far more pomp and bombast about it, the near eight minute length delivering a Candlemass like performance.
 
‘Gilman House’ continues the narrative of the source story, nether-worldly effects mixing with the pounding rhythms, the pace building to match the panic felt by the central character trapped in a town with no likelihood of rescue, building to the NWOBHM musical sprint of ‘The Horrible Hunt’, the more frantic pace of first half of the song matching the fevered escape attempt of the central character, the music slowing down in pace like the faltering steps of the pursued before finding a second wind and charging forth once more, the changes in tempo matching the confusion and desperation of the would be escapee. The album, and indeed the story closes with ‘A Final Journey’, a dark and brooding number punctuated by strange howling effects, the musical transformation illustrating the final descent of the central character as he descends into the bestial form of his ancestors.
 
Whilst many bands play tracks dedicated to and influenced by the works of Lovecraft, Arkham Witch and Lavagoat being the first two of so many that spring to mind, in this the ‘The Shadow Over Innsmouth’, it is the first time I’ve come across an entire album that dares to tell one of of that esteemed horror author’s seminal tales from start to finish. That Bretus has matched their music to the themes of ominous threat, through to terrified pursuit, and into an inevitable descent into madness is only to be applauded. This is an album that deserves to be played in full to appreciate the scope of the tale, and with this reissue after the original 2014 release, you now have that opportunity.
 
(8/10 Spenny)
 
 
ARISTOCRAZIA: http://www.aristocraziawebzine.com/recensioni/7492-bretus-the-shadow-over-innsmouth
 
 
Con estremo piacere e ritardo, scrivo del secondo album dei Bretus intitolato "The Shadow Over Innsmouth". Non ci giro molto attorno, ho sempre apprezzato la proposta di Ghenes (in passato intervistato proprio dal sottoscritto), Zagarus e compagni, del resto l'indubbio potenziale in dote al progetto era già ampiamente venuto a galla con il mini eponimo, sgorgando poi definitivamente nelle canzoni pubblicate sull'ottimo "In Onirica". Quest'ultimo parto discografico ha confermato lo stato di forma invidiabile dei Catanzaresi.
 
«Consapevolezza» è la parola che domina la scena dal primo all'ultimo minuto: consapevolezza dei mezzi a propria disposizione e dello scenario orrifico-onirico che si è deciso di forgiare. I musicisti in questione sono consci di essere ormai calati in un mondo che li ha assorbiti integralmente, rendendoli una creatura priva di compromissioni e in grado di allestire un omaggio all'illustre maestro di Providence, Howard Phillips Lovecraft, nel migliore dei modi possibili.
 
Quasi cinquanta minuti di doom-stoner primordiale e cupo ci guidano attraverso un sentiero angoscioso quanto lenitivo, una «twilight zone» in cui ovviamente la naturale prospettiva delle cose viene continuamente messa in discussione da una realtà che diventa incubo, o più semplicemente da un incubo che è di per sé realtà. La musica minaccia e graffia aggressivamente in episodi come "Captain Obed Marsh", "Zadok Allen" e "The Horrible Hunt", mentre innalza una costante e imponente barriera emotiva che ingabbia l'ascoltatore durante tracce quali "The Oath Of Dagon" e la conclusiva "A Final Journey".
 
Eviterò di dilungarmi ulteriormente, "The Shadow Over Innsmouth" ha quasi un anno di vita e sono sicuro che in tantissimi abbiano già avuto modo di apprezzarlo. Nel caso in cui però vi fosse sfuggito o il nome dei Bretus non fosse ancora tra quelli a voi noti, vi suggerisco di entrarne in possesso. Per quanto riguarda il panorama delle produzione italiane, e probabilmente non solo, questo album rientra fra i migliori lavori di quello che è stato un buonissimo 2015.
 
 
 
 
THE SLUDGELORD: http://thesludgelord.blogspot.com/2015/04/bretus-shadow-over-innsmouth-album.html
 
I'm a huge fan of Italian Doom/Stoner Metal misfits – Bretus. I've reviewed a couple of their past releases so I already know what to expect from their 2nd album – The Shadow Over Innsmouth - with their blend of Doom/Stoner Metal with dark and creepy Occult Rock overtones.
 
This album is a very different beast compared to their past releases as this one is heavier with more emphasis on mood and atmospherics that 70s/80s Old School Doom Metal fans will appreciate the most. The Curse Of Innsmouth is a loud as hell song that sees Bretus pay homage to their musical heroes whilst still keeping the mood very modern. Zagarus is the demented storyteller spinning tales of things that go bump in the night. The music has quite an experimental feel where the atmosphere goes through many different stages of Doom/Stoner Metal as Bretus change the riffs from one moment to the next.
 
If you're a fan of Saint Vitus, Black Sabbath and Deep Purple you will be in your element here as Bretus love the 70s legendary sound where the ideas were as loud as the riffs. The Shadow Over Innsmouth already has it's fair share of admirers including my good friend Lucas who did a fantastic review on his blog. His review will tell you all you need to know as he's perfectly described what the album is all about.
 
One of my fave moments from the album is on 3rd track – Captain Obed Marsh – as it's another crazy psychedelic offering that shows you what Bretus can do that some bands can only dream for. I love how the band create different sounds and noises that shouldn't really work. I'm pretty sure I've heard influences such as Queen and even a few NWOBHM bands on this song. I maybe hearing things but you can't deny this isn't a fantastic song that's packed full of superb Doom/Hard Rock moments to listen to over and over again,
 
The album can be very dark and intense at times as Bretus thrive on their doom and gloom reputation. Though that's what makes Bretus such an exciting prospect in Doom/Stoner Metal world. They're willing to take risks with their music and blend different genres that shouldn't really work but they pull this off with style. What you end up with is an exciting and brave album that's packed with tons of scary moments and kick-ass riffs to to rock out to.
 
Do yourself a favour and buy this album now. It's seriously that good. Awesome stuff!!!
 
 
- ROCKAMBULA: http://www.rockambula.com/bretus-the-shadow-over-innsmouth/
 
Ho avuto il piacere e l’onore di seguire il percorso dei Bretus (una band di Catanzaro dedita allo Stoner/Doom) sin dagli albori. Il loro disco d’esordio, In Onirica, è riuscito a suscitarmi parecchio interesse, un lavoro pregno d’oscurità e qualità. Oggi mi ritrovo ad ascoltare The Shadow Over Innsmouth, il secondo album dell’affiatato quartetto. Come dicevo pocanzi ho avuto diverse occasioni di ascoltare l’operato della band, per questo non mi sono certo fermato solo al disco che li ha lanciati ma ho avuto l’opportunità di farmi un parere personale anche con l’ omonimo del 2010 e con lo split con i Black Capricorn. La band ha doti innate, la lezione dei Black Sabbath, dei Saint Vitus e dei Cathedral l’hanno appresa bene, perciò, non è un caso che i loro dischi siano di alto livello. Questo nuovo concept risulta essere una sorta di consacrazione per i Bretus, mostrando una spiccata personalità in un contesto underground dove risulta sempre più difficile mettersi in evidenza. Le otto tracce sono marcate da ottimi giri di chitarra e da un sensazionale basso. Ognuna di esse ha una propria atmosfera, un proprio punto di forza. Personalmente non saprei individuare il pezzo migliore perchè The Shadow Over Innsmouth riesce a farsi ascoltare in un solo colpo. Sembra di seguire un percorso dell’animo in cui è lo stesso disco a dettare i tempi di rabbia e di quiete. Non c’è che dire, questo è sicuramente un altro colpo messo a segno per la Bloodrock Records che, puntualmente, sa individuare e proporre gruppi di alto calibro. Di questo passo la band potrà solo ottenere buoni risultati; sono capaci, volenterosi ma soprattutto amano questo genere e The Shadow Over Innsmouth ne è la dimostrazione.
 
 
- LORDS OF METAL: http://www.lordsofmetal.nl/en/reviews/view/id/30837
 
 This second album by Italy’s Bretus is based on the writings of H.P. Lovecraft. When you are familiar with Lovecraft the album title already gave that away. There are plenty of bands in the various subgenres of metal that are inspired by Lovecraft. Bretus is a doom metal band from the category that is influenced by Black Sabbath, Pentagram, Saint Vitus, Trouble and the likes. When I’m completely honest I have to say Bretus is no highflyer. I’d rather say they are solid. I suppose you can compare them to their countrymen of Doomraiser in that regard. So a proper band with the right attitude and commitment. Fans of this style of doom metal should give them a shot.
 
 
 
- TUTTOROCK: http://www.tuttorock.net/recensioni/bretus-the-shadow-over-innsmouth
 
Se vogliamo parlare di vero doom in Italia, quello oscuro ed angosciante, sicuramente i Bretus meritano di essere menzionati per primi. Questa ottima band calabrese sa di non essersi inventata nulla, ma il loro intento è quello di rendere vivo questo genere musicale ancora oggi e specialmente in Italia. Già con il primo EP omonimo i Bretus si ispiravano nei testi ai maestri della letteratura horror come H.P. Lovercraft e con il secondo “In Onirica” la band ha messo in mostra una netta maturazione e professionalità, entrambe cresciute in “The Shadow Over Innsmouth”, un concept album incentrato completamente su un racconto di Lovercraft. Anzi possiamo ben dire che i Bretus ne hanno scritto la colonna sonora, cupa, oscura e a volte anche malvagia e vi accompagneranno nella fantasiosa mente di uno dei più grandi scrittori di horror insieme a Edgar Allan Poe ed in quella piccola cittadina portuale ed i suoi mostruosi segreti, Innsmouth appunto. “Intro” apre le porte ai vostri incubi e “The Curse Of Innsmouth” riuscirà a condurvi nei meandri degli inferi. Una mia introduzione che potrebbe spaventarvi, ma niente di tutto ciò perché il mondo dei Bretus è un mondo fantasy, spesso colorato solo di grigio e nero, ma è un modo per portarvi nel loro doom metal, spesso venato di psicadelia anni 70, tra Black Sabbath e Blue Cheer, con riff chitarristici cupi, atmosfere dark e passaggi lenti. “Captain Obed Marsh” ha un sound volutamente sporco e anni settanta e “Zadok Allen” ha più riferimenti psichedelici, con qualche tentazione acustica, ma poi i Black Sabbath tornano prepotentemente nelle influenze dei Bretus. “The Oath Of Dagon”, “Gilman House”, “The Horrible Hunt” e “A Final Journey”, sono brani che musicalmente sembrano essere legati l’un l’altro e specialmente quest’ultimo è cupo e sabbathiano più che mai. Che poi il doom è un genere che non vi piace o che trovate troppo oscuro, avete anche le vostre ragioni, ma va dato atto che i Bretus ne hanno assorbito tutte le migliori caratteristiche. 
 
 
- LUPUSUNLEASHED (POLAND): http://lupusunleashed.blogspot.it/2015/01/bretus-shadow-over-innsmouth-2015.html
 
 Howard Phillip Lovecraft wciąż inspiruje muzyków na całym świecie. Grupa Bretus pochodzi z Włoch i na początku roku 2015 postanowiła wydać swój drugi album studyjny oparty na opowiadaniu mistrza makabry i grozy, twórcy Pradawnego Cthulhu, "Cień nad Innsmouth". Doom metal, który panowie preferują do Lovecrafta pasuje zaś znakomicie.
 
Zamiłowanie do Howarda Philipa Lovecrafta wylewa się już z bardzo dobrej, utrzymanej w ciemnych barwach okładki. Latarnia morska, tajemnicze istoty o wyglądzie humanoidalnych ryb oraz oczywiście Przedwiczny, omackowany stwór będący władcą czasu i przestrzeni. Jak głosi wkładka do albumu, materiał jest nawet dedykowany Mistrzowi Grozy. Jest to bowiem luźny koncept oparty na opowiadaniu "Cień nad Innsmouth". A jak wypada ten album muzycznie? Przede wszystkim surowo, ale i bardzo intrygująco.
 
Płytę otwiera złowrogie "Intro" skomponowane przez basistę grupy Azoga. Dźwięki ogniska na brzegu morza, rytualne tańce i gitarowy riff. Po czym następuje przejście do "The Curse Of Innsmouth". Ostry, ale melodyjny riff oraz wolna perkusja. Całość brzmi surowo, bardzo w stylu zespołów z lat 70 i to nawet nie tych najbardziej znanych, ale tych z doomowego undergroundu, spośród których najbardziej kojarzonymi będą Trouble czy Pentagram. To granie właśnie w takiej stylistyce. Włosi ją czują i wychodzi im to znakomicie. Równie udany jest numer drugi (właściwie to trzeci) "Captain Obed Marsh". Ten zaczyna się od odgłosów fal i okrzyków marynarzy, a po chwili wchodzi świetny, mocny riff. Gdyby ten utwór powstał w tamtych czasach, dziś byłby jednym z najważniejszych dla gatunku. Z racji tego, że powstał współcześnie doomowe tempo łączy się tuaj z iście przebojowym wczesnym heavy metalem tworząc bardzo interesującą mieszankę, która wpada w ucho i zostaje w głowie na długo po zakończeniu płyty. Po nim pojawia się "Zadok Allen" w którym na początku próbuje uśpić się naszą czujność, by po chwili znów uderzyć melodyjnym riffem wyrwanym z klasyków. Rozwija się powoli, niepokojąco i mrocznie, a gdy już się rozwinie znów jest bardzo przebojowo i niezwykle przyjemnie.
 
 
Jako piąty na płycie pojawia się singlowy "The Oath of Dagon". Ten wstrętny rybokształtny stwór z głębin na pewno będzie znany nie tylko fanom prozy Lovecrafta, ale także naszego rodzimego Andrzeja Sapkowskiego i jego sagi o Wiedźminie, Geralcie, Białym Wilku z Rivii. Lekkie, akustyczne, ale odpowiednio mroczne intro ponownie mające nieco zmylić czujność, jakieś stukanie w tle i chwilę później znów się całość rozkręca. Ciężkie, doomowe tempo, wraz z którym łapiemy się na kiwaniu głową w rytm. Słyszało się podobnych numerów mnóstwo, ale i tak brzmi to bardzo dobrze. To także jeden z najspokojniejszych utworów, choć bynajmniej nie pozbawionego mrocznego, niepokojącego klimatu grozy, który Włosi kapitalnie oddali. Ta muzyka wręcz ocieka śluzem i gęstą śliną rybiej poczwary, jak i samego Cthulhu czającego się gdzieś nieopodal. Pomiędzy wszystkim dalekie echa Black Sabbath z tamtych lat. W następnym składamy wizytę w "Gilman House" w którym wracamy do cięższych, bardziej surowych brzmień. Najpierw powolny i melodyjny, rozwijający się wstęp, a następnie przyspieszenie. Znakomicie wypada w tym numerze część instrumentalna, która zawiera w sobie cały strach i niepokój z opowiadań Mistrza. Zaraz po niej pojawia się "The Horrible Hunt", który otwiera melodyjny, ale pełen grozy wstęp, po czym następuje kolejne świetne przebojowe przyspieszenie. Jako ostatni pojawia się "The Final Journey", w którym cięższy, melodyjny i zarazem surowy klimat miesza się z wolniejszymi, huśtającymi tempami. Znakomite zakończenie, po którym ręka wędruje po pilota i wciska "play" jeszcze raz.
 
Bretus oddał hołd Lovecraftowi w sposób znakomity, przebojowy i świeży, a zarazem surowy i mocno nawiązujący do tradycji doom metalu i wczesnego heavy metalu. Nie jest to też album odkrywczy, ale zdecydowanie wart uwagi nie tylko przez wielbicieli Lovecrafta czy klasycznego doom metalu. Czuć tutaj siłę i dużą energię, radość z grania oraz całą masę emocji, które towarzyszą podczas lektury prozy Mistrza z Providence - od strachu, przez niepokój, aż po całkowitą panikę. To także jeden z najbardziej obiecujących albumów tego roku, może niekonieczne należący do tych pięknych, ale zdecydowanie z dużą ilością ognia. Jeśli jeszcze nie zetknęliście się z Włochami z Bretus najnowszy album jest świetnym startem w ich twórczość. Polecam! Ocena: 8/10
 

 

- IYEZINE: http://www.iyezine.com/bretus-shadow-innsmouth

Nuovo disco della band doom catanzarese Bretus, una delle migliori in Italia e non solo.
Alla fine, è successo ciò che era nei nostri migliori incubi, ovvero che il lento e corrosivo suono dei Bretus incontrasse il più grande medium di incubi di tutti i tempi : H.P. Lovecraft.
La quinta fatica discografica dei Bretus, dopo l’epico split con i Black Capricorn (difficile immaginare uno split migliore), è incentrata su uno dei racconti del ciclo di Cthulhu.
Innsmouth e il suo porto sono una discesa verso gli inferi, anzi chi conosce Lovecraft sa che c’è qualcosa di ben peggiore dell’inferno.
I Bretus mettono superbamente in musica tutta l’angoscia dello scrittore ed effettivamente il doom metal è forse la musica più indicata per musicare l’angoscia lovecraftiana: la sua lentezza, la sua profondità, lo scavare incessante ma senza fretta, il lasciare grande spazio all’immaginazione dell’ascoltatore sono tutte caratteristiche che questo genere musicale condivide con l’uomo di Providence.
I Bretus portano avanti dal 2000 l’incubo in musica, ispirandosi ad un immaginario ben definito e ben presto si conquistano la loro fama nella scena tanto da essere invitati al Malta Doom Fest e più recentemente al Doom Over Vienna IX. Il festival maltese è uno dei migliori festival doom del globo anche perché a Malta c’è un’ottima scena, forse eredità dei Templari ?
Nel 2012 pubblicano “In Onirica” che è appunto un disco maggiormente sognante e con un suono più etereo rispetto a questo; in  The Shadow Over Innsmouth il velo dell’incubo notturno è un dolce ricordo, poiché l’incubo diventa realtà, anche se in Lovecraft c’è sempre il dubbio di cosa sia davvero reale o no, lasciandoci con una domanda : è la nostra vita in fondo ad essere un incubo, o gli incubi sono la vita ?
Il suono di questo disco è fangoso e non lascia speranza, accompagnandoci per mano verde e lasciva nell’antico porto di Innsmouth.
Forse è l’opera migliore dei Bretus fino a questo momento, anche se essendo una band dalle infinite potenzialità ci aspettiamo sempre qualcosa di grandioso.
Recentemente ho letto che alcuni studiosi, cosiddetti eretici, affermano che le opere di Lovecraft non siano affatto di fantasia, ma che descrivano, in maniera romanzata qualcosa che esiste davvero, siano essi annunaki o antichi dei di qualche pianeta lontano.
A voi la scelta.
 
 
METALWAVE: http://www.metalwave.it/recensione.php?id=6504
 
I Bretus, veterani calabresi forgiatori dell’arte del Doom Metal ci rimpinguano gli animi con la loro seconda realizzazione dal titolo “The Shadow Over Innsmouth” nella quale si imbattono, ben riuscendoci, nel mondo mistico di H.P. Lovecraft reinterpretando il racconto intitolato “La maschera di Innsmouth”. Questa volta il clima è mistico, surreale, nebbioso, tanto quanto il misterioso patto fatto dagli anziani della tetra e umida cittadina portuale di Innsmouth nel Massachusetts con le creature demoniache provenienti dal mare. Dal platter proposto trasuda l’angoscioso stato psicologico dell’autore immesso nella storia e che ora viene rievocato con un Doom, a tratti quasi stoner, lento e profondo in grado di entrare nell’inconscio e nel mondo immaginario dell’ascoltatore; un elemento che spesso emerge dalle tracce è forse dato dalla presenza di svariate pause che finiscono per rendere l’album a tratti monotono nonostante l’inserimento di brevi lead o elementi allucinogeno - psichedelici che però riescono a risolvere parzialmente il problema. In ogni caso il sound, nella sua omogeneità, rimane incisivo sino ad un certo punto mentre il cantato appare pienamente confacente al clima generato che è al limite dell’irrealtà tanto da ricordarci a tratti un po’ sia Ozzy Osbourne che Lee Dorian. Dopo un intro, primo dei brani è “The Shadow over Innsmouth” che apre subito in maniera intrigante con un doom eseguito perfettamente con tratti un po’ in chiave blues dove il cantato un po’ vibrante si contraddistingue immediatamente mettendo in chiaro questa sua particolarità. E’ poi la volta di “Captain Obed Marsh” dall’andatura molto lenta che ci ricorda parecchio i primi Black Sabbath ; “Zadok Allen” invece dall’inizio acustico molto lento e nebbioso apre poi ad un riff che ci ricorda molto i BLS in “1919 Eternal” e che viene ripetuto spesso come intermezzo nell’intero brano; “The Oath of Dagon” con altro intro in acustico che poi prende bene il via grazie anche al sound sempre ben pregno e carico di doom. Ottima è la performance offertaci da “ Gilman House” con un dark’n’doom a palate servito da un riff cupo che a poco a poco si accende e offre un buon risultato; con la vivace “The Horrible Hunt” i Bretus ci dimostrano una buona e facoltosa attitudine anche alla ritmica più veloce rispetto ai precedenti brani; il lavoro si conclude con “Final Journey” brano cupo il cui andamento ci riporta direttamente nel porto di Innsmouth tra gli odori di alghe marce e un clima umido e nebbioso quasi horror. Il lavoro, nella sua struttura compositiva e nel portamento in generale, rappresenta un discreto lavoro anche grazie all’ambientazione e all’ispirazione tratta da H.P. Lovecraft; un full lenght che consiglio ai fan di questo genere musicale. 
 
 
 
- THE NEW NOISE: http://www.thenewnoise.it/bretus-shadow-innsmouth/
 
Innsmouth si trova in Massachussets e, guarda caso, è spesso citata nei racconti del maestro H.P. Lovecraft, compreso quello che dà il titolo al nuovo disco dei Bretus, una lettura obbligatoria (almeno ai miei tempi) per qualsiasi metallaro o aspirante tale. Lungo queste otto tracce si parla di Dagon, degli esseri antichi che vengono dal mare, dei loro figli ibridi e di tutte quelle cose viscide nascoste nell’ombra tra i vicoli dei porti del Massachussets, ripercorrendo luoghi e rincontrando i personaggi della narrazione. Il connubio pare quello ideale, perché in fondo naturale come il famoso cacio sui maccheroni: un sound oscuro, lento, ricco di distorsione e feedback, che con la sua corposità rimanda al legno e alle valvole, impossibile non ritenerlo perfetto per seguire le indagini dello studioso mentre interroga i vecchi nelle taverne del porto e svela pian piano i terribili segreti che si celano dietro le leggende locali. Così la musica dei Bretus brano dopo brano aumenta di tensione e si fa più minacciosa, quasi a mutare forma e dinamiche interne, pur nel suo restare fedele al linguaggio prescelto declinato in ogni modo, tirando in ballo dialetti differenti del doom-verso (in apertura di “The Horrible Hunt” sembra far la sua comparsa persino Danzig, che in fatto di immaginario horror è un maestro assoluto). Poco altro da aggiungere, che i Bretus ci sappiano fare lo abbiamo ribadito già in varie occasioni, che il loro approccio tradizionalista non manchi di mostrare personalità e buoni spunti altrettanto, per cui l’unico consiglio è quello di provare ad accompagnare l’ascolto con letture lovecraftiane e una sola luce fioca, per non infastidire troppo lo strisciare delle ombre negli angoli della stanza. Serve aggiungere altro? 
 
 
- BACK IN BLACK: http://thebackinblack.gqitalia.it/2015/02/03/bretus-%E2%80%93-the-shadow-over-innsmouth/
 
Tornano i Bretus, band calabrese, che riesce a ripercorrere la strada gettata dai padri putativi Black Sabbath, affondandola sempre di più nella melma del doom, di un suono tra lo sludge e il rock anni ’70.
Imparando al meglio la lezione dai grandi del passato, i nostri sono capaci di condurre attraverso la palude della propria visione del genere, con grande intelligenza e attitudine, lasciando invischiato l’ascoltatore nel loro personalissimo inferno sonoro.
In questo lavoro si superano, creando un concept su Lovecraft e pescando dall’immaginario prolifico e senza limiti del solitario di Providence.
Ed ecco che ogni brano cattura attimi e personaggi del racconto (tradotto in italiano come) La maschera di Innsmouth, di questa cittadina del Massachussets, dove si muovono le nefande schiere di ibridi uomini-pesce dediti al culto creato dal capitano Obed Marsh e ai suoi patti scellerati.
Colonna sonora che si tinge di racconto musicale quella offerta dai Bretus, che riescono perfettamente a riportare l’ancestrale visione di un territorio sconosciuto agli  uomini e abitato dal buio dei Grandi Antichi e della loro infestante presenza.
Ogni passaggio e “capitolo” viene scandito magistralmente, in un disco che saprà conquistarvi e portarvi al di là delle stelle conosciute, verso il grande incubo che in ogni modo avete cercato di dimenticare… piccoli umani.
 
 
- HEAVY METAL HEAVEN: http://heavenofheavymetal.blogspot.it/2015/02/bretus-the-shadow-over-innsmouth-2015.html
 
Pur essendo molto d’aiuto, l’originalità non è un fattore determinante per scrivere della buona musica: possono esistere infatti anche gruppi che pur rimanendo all’interno di certi stereotipi, riescono comunque ad intrattenere molto bene. Esempio di ciò è il caso che analizziamo oggi, quello di The Shadow Over Innsmouth, secondo studio album dei catanzaresi Bretus: lo stile impostato dalla band è difatti un doom metal di vaga tendenza stoner piuttosto canonico, che si rifà molto al sound di Witchfinder General, Saint Vitus, Reverend Bizarre e soprattutto Pentagram, i quali sono richiamati alla lontana anche dalla voce sguaiatissima e roca del cantante Zagarus, ma a dispetto di ciò il risultato non è niente male. Merito di ciò è anche del concept che (non) si nasconde dietro all’album, ispirato ovviamente all’omonimo romanzo di Howard Philip Lovecraft, che è reso piuttosto bene attraverso toni spesso lugubri e che fanno sforare più di una volta il disco nell’horror metal. Dall’altro lato, l’album non è esente da difetti: il principale è un songwriting oscillante tra picchi di assoluta eccellenza e frangenti invece meno appetibili, con in particolare qualche canzone che risulta generica e poco efficace. La stessa cosa vale più o meno anche per la produzione: a tratti infatti il sound generale del disco incide a meraviglia, ma in altri momenti sembra un po’ troppo leggero, secco e poco graffiante, un particolare che in futuro dovrà essere rivisto, anche se ad ogni modo non danneggia più di tanto il disco.
 
Il preludio di rito, intitolato semplicemente Intro, è costituito inizialmente da suoni ambientali e di esplosioni, prima che il distorto basso di Azog cominci a scandire una melodia lieve ma piuttosto oscura. Quando anch’esso si spegne la opener vera e propria, The Curse of Innsmouth, entra in scena piuttosto placida e dal riffage vagamente stoner doom, che accompagna  tutta la traccia pur con diverse variazioni: ecco quindi che la parte strumentale si alterna con strofe piuttosto semplici ed anche meno heavy del resto (a volte forse pure troppo) e poi con ritornelli che invece incidono bene, essendo minacciosi e striscianti; il tutto è intervallato inoltre da aperture a tratti d’attesa (come quella che vede la sola batteria di Striges sotto a qualche effetto), in altri momenti più pesanti ed oscuri, come la bella frazione che trova spazio al centro, lenta e lugubre. Ottima anche la buia coda finale, il momento più orrorifico di una canzone che tutto sommato si lascia ascoltare piacevolmente. Un'altra introduzione di suoni e di effetti, poi Captain Obed Marsh parte subito col suo riff principale, movimentato e che riesce ad incidere a meraviglia, sia in solitaria che quando regge le strofe, valorizzate anche dalla voce bassa e all’altezza della situazione di Zagarus. Meno validi sono i ritornelli, in cui oltre allo stesso cantante, che tende un po’ a strafare, abbiamo un rallentamento che spezza la dinamicità del resto, nonostante l’atmosfera blasfema presente compensi questa perdita almeno in parte. Poco male, in ogni caso, perché il resto della traccia è invece ben composto: prova di ciò è anche la sezione centrale, inizialmente più armoniosa e d’atmosfera del resto, poi più movimentata e possente, con ritmiche su cui si posa anche un bell’assolo obliquo della chitarra di Ghenes, prima che la norma principale torni a fare il proprio corso fino a concludere un episodio che seppur con qualche difetto risulta piuttosto godibile. Un lungo preludio che vive del dualismo tra un arpeggio di chitarra pulita e lievi lead, poi Zadok Allen si avvia lenta ed inesorabile, con ritmiche cadenzate ed arcigne, che proseguono a lungo coinvolgendo bene ed aprendosi in senso melodico solo per quelli che sono considerabili come i chorus, i quali comunque suppliscono con una velocità ed un energia più sostenute. Il ritmo già piuttosto basso si fa inoltre anche più lento nella parte centrale, puramente doom anche se le melodie delle chitarre soliste comunque rendono il clima meno denso ed oscuro, e più aperto, una parte tutta strumentale tutto sommato di qualità, prima del ritorno in scena della norma precedente; l’unione di tutto ciò è un altro pezzo non esaltante  ma comunque di buona fattura. Un’altra lunga sezione retta da chitarre pulite, più ricercate e dolci che in precedenza, è l’introduzione a The Oath of Dagon, song che presenta un riff particolare, obliquo e molto melodico, quasi intimista, calmo e malinconico nel mood che riesce ad evocare. Quando però entrano in gioco le strofe, il tutto cambia: se esse sono soffuse, infatti, il cantante Zagarus riesce comunque a renderle piuttosto sinistre, sensazione che cresce sempre più fino all’arrivo dei ritornelli, intensi ed a metà tra l’infelicità precedente ed un feeling blasfemo e terribile, che li rende assolutamente coinvolgenti. Ottima anche la seconda metà del pezzo, nuovamente oscuro e che a tratti beneficia anche di possenti e cadenzati cori, che le danno ancor più forza nera del resto; degno di nota anche il tratto che segue tale frazione, che invece recupera per qualche istante una tranquillità placida ma in qualche modo anche funesta per poi riprendere la corsa con una parte ancor più strana, dissonante e che vede anche la presenza di bizzarri synth, degna conclusione del brano migliore del disco.
 
E’ il turno ora di Gilman House, la quale va subito al punto con il suo riffage possente, aspro ed arzigogolato, che la accompagna praticamente tutta, pur con lievi variazioni, e risulta sempre decisamente efficace, anche nella propria peculiarità; fanno eccezione a questa norma solo i refrain, più diretti e semplici, ma che comunque inizialmente sfoggiano anch’essi un’energia ammirevole, per poi confluire in brevi frazioni più d’atmosfera ed in cui appaiono a volte anche eterei effetti di tastiere. La seconda parte del pezzo è invece meno cupo e più rapido, presentando anche un lievissimo retrogusto heavy metal classico e dividendosi tra una prima parte relativamente più tranquilla e solare e la seguente fuga preoccupata su velocità alte (almeno relativamente al genere del gruppo), corredate da ritmiche circolari che incidono più che ottimamente coi loro diversi cambiamenti, denotando una scrittura di qualità che nel complesso fa risaltare questo brano come il più bello del disco insieme al precedente. Un nuovo intro estremamente delicato e melodico, che fa pensare ad un'altra composizione pesante ma lentae monolitica, viene presto spazzato via da The Horrible Hunt, up tempo con influenze heavy e vagamente anche punk, a causa del rifferama movimentato che nelle strofe si divide tra momenti di puro impatto macinante ed aperture dissonanti.  Quelli che sono considerabili come i refrain sono invece più tradizionali, con il loro riff sabbathiano dal retrogusto stoner che pur su alte velocità riescono a rendere bene ed a graffiare. La parte centrale è invece di trademark più classicamente Bretus, viste le lente ritmiche puramente doom e l’atmosfera decisamente orrorifica data dalla voce echeggiata di Zagarus e dal bislacco assolo di Ghenes, un bel momento di oscurità prima che la canzone torni a correre, concludendosi in bellezza; nel complesso, abbiamo un pezzo ben tagliente che si pone per qualità solo al di sotto dell’uno-due che la precede. Siamo agli sgoccioli ormai: è infatti il turno di A Final Journey, la traccia più cupa ed orrorifica dell’intero album, che si apre con un preludio pieno di echi, tranquillo ma cimiteriale, prima che il tutto deflagri al masimo della sua potenza, pur mantenendosi sempre su una velocità molto bassa. Da qui si avvia una progressione che alterna strofe ancora misurate e soffuse ma nere come la notte, dominate come sono da cupe armonizzazioni di chitarra, e chorus invece potenti e quasi evocativi nella loro estrema oscurità; il tutto può beneficiare inoltre di un Zagarus particolarmente teatrale, che da alla composizione una marcia in più. La traccia prosegue su questa falsariga per poi svoltare, verso metà, su qualcosa di più serrato, che si fa man mano sempre più convulso pur mantenendo una certa oscurità di fondo; toccato l’apice, la song torna alla propria norma precedente, contenuta ma intensamente lugubre. E’ questo però solo una falsa ripartenza, perché subito dopo giunge infatti un altro breve interludio tutto d’effetti, che rende l’episodio più inquietante ed  introduce la coda finale, in cui viene ripreso il riff principale, il quale torna poi a farsi sempre più serrato finché la canzone non esala l’ultimo respiro, sancendo in maniera più che buona il termine del disco (anche se la vera conclusione è rappresentata da un breve outro, costituito da suoni di risacca).
 
Grazie anche ad una seconda metà di ottima qualità, che tira su la media, alla fine dei conti The Shadow Over Innsmouth si rivela un buon album, che pur non impressionando risulta intrattenente al punto giusto. Certo, se siete fanatici della novità a tutti i costi e snobbate ogni cliché, questo non è proprio l’album per voi; se però vi accontentate anche di un album doom onesto, diretto e ben suonato, allora i Bretus sapranno sicuramente fare al caso vostro!.

 

- PHANTASMAGORIA (GREECE): http://phantasmagoriagr.blogspot.gr/2014/12/bretus-shadow-over-innsmouth.htm

Οι μπαρουτοκαπνισμένοι Bretus σχηματίστηκαν το 2000 στην Καλαβρία της Ιταλίας κι έκτοτε δεν έχουν σταματήσει να προκαλούν θόρυβο γύρω από το όνομα τους, πότε με τις εμφανίσεις τους και πότε με τις διάφορες κυκλοφορίες τους, η έσχατη χρονικά εκ των οποίων, πρόκειται να κυκλοφορήσει στις αρχές του ερχόμενου έτους υπό τον τίτλο The Shadow Over Innsmouth.
 
Το εν λόγω άλμπουμ, όπως άλλωστε μαρτυρά κι ο τίτλος του, είναι εμπνευσμένο από έργα δημιουργών όπως ο H.P. Lovecraft, ενώ η horror αισθητική των Bretus δεν περιορίζεται στους στίχους τους, καθώς τα 8 κομμάτια συνολικής διάρκειας 47 λεπτών του μυστικιστικά όμορφου   The Shadow Over Innsmouth, διακρίνονται για την ηχητικά μυστηριώδη κι occult αύρα τους.
 
Η στεντόρεια φωνή πλαισιώνει υπέροχα τα μουσικά όργανα των Bretus και χαρίζει ένα εξόχως γοητευτικό epic αίσθημα στη νέα δουλειά τους, που οφείλει εν πολλοίς το proto metal άρωμα της, στην παλιομοδίτικη doom υπόσταση της κιθάρας της, η οποία ζωγραφίζει το χορταστικό The Shadow Over Innsmouth, με heavy και στιβαρά riffs και με ψυχεδελικά κι ατίθασα solos.
 
Τα δυναμικά ντραμς προσφέρουν άπλετο groove στο έξοχο The Shadow Over Innsmouth κι εντείνουν την υφέρπουσα 80's metal σπιρτάδα των συνθέσεων του, η οποία θαρρώ ότι αποκτά κάποια αχνά μεν, άκρως απολαυστικά δε, nwobhm χαρακτηριστικά χάρη στο μεστό κι ανέμελο μπάσο των Bretus, το οποίο συμβάλει σημαντικά στην μουσική ποικιλία των μελωδιών τους.
 
Ο στιβαρός ήχος τούτης της μπάντας οφείλει πολλά στην καθαρή και δυνατή παραγωγή, που αναδεικνύει υπέροχα το heavy τσαγανό της, ενώ τα stoner ψήγματα των Bretus, αποτελούν την καλύτερη συντροφιά για τον βαφτισμένο στην 70's ψυχεδέλεια doom ήχο τους, καθιστώντας παράλληλα άκρως συναρπαστικό το περιπετειώδες The Shadow Over Innsmouth. Εξαίρετο.
 
 
- SON OF FLIES: http://christianmontagna.blogspot.it/2014/11/recensione-bretus-shadow-over-innsmouth.html
 
Roboanti e oscuri come il genere comanda, i calabresi BRETUS continuano la loro scalata nell'underground nostrano e internazionale. Avevo parlato bene della band già ai tempi del debutto "In Onirica" e oggi che il nuovo lavoro in studio ("The Shadow Over Innsmouth") si insinua sotto la mia pelle posso riconfermare le impressioni positive che riservo per questi ragazzi del Sud Italia. Quello dei Bretus è un Doom/Stoner macchiato da innumerevoli sfumature Psychedelic, utilizzate per iniettare all'interno dei brani un dramma che non frena la sua turbolenta vibrazione. Non ci sono false pretese nel sound dei nostri, proprio perché tutto si erge con quella schiettezza di fondo che fa rivivere l'anima dannata dei maestri (passano per la mente Black Sabbath, Pentagram, Cathedral, Saint Vitus). Forti della propria conoscenza in materia, i quattro musicisti della band emettono una incontenibile potenza evocativa e tanta grinta; quest'ultima attivata con grande sapienza. "The Shadow Over Innsmouth" (pubblicato da BloodRock Rec.) possiede la robustezza e la forma di un vecchio binario ferroviario arrugginito, ma perfettamente funzionante e insostituibile. Mezzo importante per trascinarvi in dei luoghi sinistri privi di tempo 
e memoria. A differenza del primo album, i Bretus puntano maggiormente sulle atmosfere, infatti, ascoltando "The Oath Of Dagon", "Gilman House" o la conclusiva "A Final Journey", si capisce come i 4 amino immergersi in acque oniriche / curative. Tutti molto bravi, ma un punto in più lo voglio regalare al cantante Zagarus, perché sfodera una prova di tutto rispetto che irrobustisce la potenza sonora del gruppo. Fate attenzione: Ignorarli sarebbe un grosso errore! Il disco sarà disponibile a inizi del 2015 (Gennaio/Febbraio). 
 
 
- HARDSOUNDS: http://www.hardsounds.it/recensiones/10858
 
Lovecraft funziona sempre, è il serbatoio di idee per eccellenza dei musicisti metal. Tocca ai Bretus servirsene stavolta e il loro tributo al racconto "La maschera di Innsmouth" è da considerare tra i più riusciti, per quanto è riuscito a tradurre in musica le atmosfere melmose dello scritto lovecraftiano. La foschia attorno alla figura del capitano Obed Marsh, il vecchio Zadok Allen, la incredibile tensione della sinistra cittadina, la fuga, la consapevolezza dell'orrore... Non vogliamo rovinarvi la sorpresa, se non conoscete ancora la trama. Tutto ciò è presente nel secondo full length della band nostrana, autrice di una prova decisamente convincente. Non c'è soluzione di continuità, 'The Shadow Over Innsmouth' è inesorabile nel suo incedere, attraversato da molte influenze e da riff classici che prendono soprattutto da Cathedral, Saint Vitus e Black Sabbath. Ci si assesta su un sound opprimente, in cui la chitarra è nettamente al centro della scena. Per questo motivo il sacrificio più grande è chiesto alla voce, messa allo stesso livello degli strumenti, che esprime con enfasi spiritata le linee guida della storia. Meno impatto rispetto a 'In Onirica', più feeling, per un disco che in definitiva è sicuramente diverso da quanto fatto in precedenza dai Bretus e sottolinea la lodevole ricerca di un'evoluzione.
 
 
RIDEWITHTHEDEVIL: http://www.ridewiththedevil.blogspot.it/2015/05/of-wicked-heritage.html
 
I've always got a soft spot for metal with Lovecraftian themes, so getting a full album built around one of his stories is a rare treat.  The Shadow Over Innsmouth is the latest release from Italy's squad of Bretus, and while there's a lot of traditional doom metal to the base of the music, the psychedelic under-currents to be found in the freedom of the guitar's riffs and tone-twisting provide an alien influence well-suited to the album's setting.  The lead melodies are heavy but catchy, putting me in mind of early Black Sabbath filtered through Candlemass, with dramatic vocal outbursts such as "Human sacrifice!" to give you a good jolt of spookiness.
Instrumental stretches provide noodling and slow doom riffs in near-equal measure, getting around the problem of possibly taking themselves too seriously/grimly by letting the music have fun while the singer keeps a straight face, vocally speaking.  They've got a melodic side that they let shine a few times with pared-down interludes, but the big bass presence dominates Innsmouth like shadows in the water, never letting things get safe for too long.  The climactic tracks deliver a satisfyingly wild rise of action as the narrative's chase ensues, with the conclusion growing naturally out of the album's established themes.  All in all, some very well done doom metal with enough homage to tradition to satisfy purists and enough experimentation to draw in those who haven't previously explored that style.  CD and vinyl copies will be available through Bloodrock Records, with a digital download option already live to be enjoyed.
 
 
 
METALITALIA: http://www.metalitalia.com/album/bretus-the-shadow-over-innsmouth/
 
 
La Calabria non è esattamente la regione italiana più prolifica in termini di uscite discografiche, ma ogni tanto anche da queste terre arriva qualcosa degno di essere ascoltato. I Bretus sono una nostra vecchia conoscenza, avendone già scoperte le doti al tempo dell’esordio “In Onirica” del 2012. Il passaggio alla Blood Rock Records non ha intaccato il corpus tematico e sonoro della formazione, che anche nella seconda fatica sulla lunga distanza maneggia con cura la materia del doom settantiano strettamente imparentato con lo stoner. Prendiamo nota dell’assenza di grandi cambiamenti nel sound di questi ragazzi, e non sarebbe nemmeno stato il caso di chiederli vista la natura piuttosto tradizionalista, ma peculiare, della loro proposta. “The Shadow Over Innsmouth” è un disco essenzialmente più cupo e strascicato del predecessore, nel quale la gradazione delle diverse influenze manifestate al tempo dell’esordio (Black Sabbath, Saint Vitus, Kyuss, Down, Corrosion Of Conformity) viene in parte alterata. La decadenza è un tratto preponderante, in assonanza al concept minuziosamente incentrato sulla cittadina immaginaria di Innsmouth, dove è ambientato uno dei racconti più famosi di H. P. Lovecraft. Nebbia, solitudine, il ritrovarsi in un ambiente estraneo, circondati da esseri dalla natura poco chiara: i temi del racconto trovano un commento sonoro molto azzeccato. La necessità di delineare un certo tipo di atmosfera, di allestire una cornice adatta alle liriche si manifesta alla lunga anche come il limite principale dell’intero album. I Bretus, infatti, difettano di continuità all’interno delle diverse tracce, finendo per concedersi troppe pause  al loro interno, infarcendole di brevi improvvisazioni e sacche di psichedelia non sempre funzionali allo sviluppo della musica. Il minimale chitarrismo di Ghenes ben predispone l’ascoltatore alle ambientazioni narrate dai testi, però non ha sempre il necessario peso specifico, l’incisività che ci aspetteremmo. Resta inconfondibile il cantato impostato, teatrale e surreale di Zagarus; la sua voce sembra traballare come una candela sferzata dal vento, connotandosi di umori precari. Vibra tra toni recitativi e taglienti strofe hard rock, prendendo in mano la situazione ed ergendosi a faro della band. Un po’ Lee Dorian, un po’ Ozzy, un po’ Wino, e con parecchio di suo, il singer fa molto per dare un’anima distintiva alla band. “The Shadow Over Innsmoutth” si dipana ad andature piuttosto calme, regalando meno sussulti di “In Onirica”, sul quale riff incalzanti di matrice hard rock arrivavano spesso e volentieri a rompere gli indugi e a smuovere il crepitante girovagare stonerofilo. All’interno della tracklist, le soluzioni più convincenti riguardano le canzoni più dure e massicce, oppure quelle con squarci ritmici sostenuti e la batteria – dalla resa deboluccia – libera di colpire con maggiore impeto. Se “The Curse Of Innsmouth” e “Captain Obed Marsh” suonano come una versione riveduta in chiave scarna ed essenziale dei primi Black Sabbath, rimanendo trattenute e incostanti nell’ispirazione, “Zadok Allen” rimette le cose a posto; un riffing grattato e insistito, un po’ southern, dona una nuova compattezza, e anche il resto del pezzo scorre con ben altra energia. Mentre “The Oath Of Dagon” scivola via gradevole ma senza sussulti di sorta, è “Gilaman House” a candidarsi come nostra favorita. L’attacco in pieno Corrosion Of Conformity-style già ci mette nella condizione ideale per l’apprezzamento della composizione, e le variazioni successive, a base di un’improvvisata hard rock nel mezzo, un assolo Seventies effettato e le schitarrate finali, confezionano un numero di stoner/doom di alto profilo. Buono anche il piglio vivace di “The Horrible Hunt”, con “Final Journey” ad accompagnarci nell’ultima capatina in quel di Innsmouth, tra odori di acque salmastre, sordide presenze e un corredo sonoro coerente con il resto dell’opera: un riff portante di ottimo gusto, striscianti melodie horror, una struttura un po’ ridondante e momenti graffianti, ma isolati. Il secondo full-length a firma Bretus è quindi un disco di discreta fattura, tutt’altro che scarso, messo assieme con un lavoro di assemblaggio attento: solo, non ci sembra avere il brio e il fervore di “In Onirica”, collocandosi leggermente sotto di esso come valutazione finale.
 
 
 
- ITALIA DI METALLO: http://www.italiadimetallo.it/recensioni/15545/bretus/the-shadow-over-innsmouth
 
Ecco per tutti gli amanti delle sonorità stoner/psychedelic/doom il nuovo cd dei Bretus. Il combo calabrese attivo dal 2000 sforna queste nuove composizioni ispirate ai racconti di Lovecraft, come da titolo di "The Shadow Over Innsmouth".
 
Dopo un Intro con suoni di chitarra molto old parte il riffing roccioso di 'The Curse of Innsmouth', classico nell'incedere e a tratti settantiano nell'intento, con tanto di variante blueseggiante e rallentamento centrale doom.
 
Si passa a 'Captain Obed Marsh', riff doom classici con quel tocco un pò blues/rock e richiami ai Cathedral, si passa a  un bel solo e si ritorna nella psichedelia meno oltranzista.
 
Suoni acustici e un solo malinconico introducono 'Zadok Allen', diversa dalle altre. RIffing più cattivo con tanto di apertura centrale, sempre con suoni psych. Si vede che i ragazzi hanno un bel rimando a quello stoner sanguigno, vero, che spesso non si trova in tutti gli album.
 
'The Oath of Dagon' è la più doom del lotto, lenta nell'incedere ma dal bel refrain che piacerà agli amanti del genere.
 
Entrati in un tunnel buio, questa è la sensazione che dà 'Gilman House', bella la parte centrale heavy classica suonata davvero bene che accompagna il brano fino a chiusura
 
I rumori "creepy" che introducono 'The Horrible Hunt' sono accompagnati da un bel riff che poi cambia completamente il tiro diventando martellante e classico. Il brano è molto variato, subisce un brusco rallentamento per poi picchiare ancora.
 
Un delay molto forte apre la conclusiva 'A Final Journey', veramente doom nel suo sviluppo .
 
Se devo fare un appunto alla band è solo sui suoni della voce, ma è un gusto puramente personale.
 
 
 
- MISANTROPIAEXTREMA (BRAZIL): https://misantropiaextrema.wordpress.com/2015/01/09/posto-de-escuta-09-01-2015/
Depois de lançarem o seu disco de estreia em 2013, os italianos Bretus cozinharam finalmente um novo longa-duração com o seu doom/stoner metal descomprometido e de influências psicadélicas. Se, musicalmente, a música do quarteto da Calábria não compromete em nada a sua intenção de soar tão fumacentos, clássicos e doom como os Black Sabbath, é nas letras, inspiradas pela temática de horror de H.P. Lovecraft e de filmes de Mario Bava, que o grupo tem o seu elemento diferenciador e grande parte do charme que anima «The Shadow Over Innsmouth». Não esperem grande originalidade, mas se a vossa cena é doom/stoner clássico tocado como se a década de 70 tivesse acabado o ano passado, 
os Bretus podem ter alguma coisa para vocês 
 
 
 
- STONER HIVE (NETHERLANDS): http://stonerhive.blogspot.nl/2014/12/bretus-shadow-over-innsmouth.html
 
Sounding highly obscure and occult, from the first notes to the last dying note. We are transported to a coastal village, underground caverns and inner city caves filled with ritualistic objects and curdled bloodstains. It is the new album The Shadow Over Innsmouth by Italian doom outfit Bretus and it’s a righteous Lovecraft trip. For it is an album based on the story by H.P. And you can easily envision yourself dwelling under the streets of the fabled city; or watching the sea pound on its coast. And it seems the compositions and instrumentation are all working together to tell its mad tale. It sounds elaborate and at the same time the mix comes across thin; which adds to the charm and the transparency. And it is this mixture and the expert use of tones that mirror the story being told. And with that, it seals our fate. We are all destined to become one of those marine creatures…
 
 
- DOOMMABBESTIA: http://doommabbestia.blogspot.it/2014/12/bretus-shadow-over-innsmouth-review.html
 
 
Un viaggio tra i vicoli polverosi e oscuri di Innsmouth. E’ in questo vagabondare privo di qualunque riferimento con la realtà, che l’ascolto dell’ultimo capitolo Bretus ci accompagna passo dopo passo tra nebbie e scenari tipicamente lovecraftiani.  
"The Shadow Over Innsmouth" è un album che gronda oscurità. Una svolta verso un doom ortodosso, estraneo a contaminazioni, nulla di particolarmente nuovo dunque, ma decisamente una scelta funzionale , alla narrazione in musica di un racconto firmato H.P. Lovecraft.  Completamente disorientati da un primo poderoso impatto, ci si scopre improvvisamente sperduti in un mondo distante e sconosciuto, ogni emozione, ogni angoscia diventa nostra accompagnandoci lungo tutto l’ascolto, trasformandoci in quel solitario e inconsapevole protagonista.
Non importa che siate amanti del genere o scrutiate ogni cosa con aristocratico sospetto, non importa per cosa o quanto apprezzerete questo lavoro,  sarà inevitabile  non restare indifferenti di fronte la forte carica emotiva che ne costituisce l’essenza.
Dopo appena due anni da In Onirica, che aveva incantato con le sue atmosfere cupe e sognanti, i Bretus tornano con un lavoro maggiormente consapevole, compiendo un ulteriore passo in avanti verso un sound sempre più coerente con lo spirito e le ambizioni di una band in continua crescita e assolutamente da non sottovalutare.
 
 
- THE METAL MAG: http://www.metalzoneprod666.com/Reviews2014-end.html
 
The Shadow over innsmouth" CD 2015 Blood rock records. Italian Dark Doom i must say i'm not quite sure what sticker to give them as it gots plenty of inspirations from early and late bands. The music is for sure very Heavy with slow tempo and down tuning that gives that Doom elements , the singer has a dark voice sometimes close to The cult 'asbury' new wave /gothic timbre that gives the creep yet very captivating tone. You can find many influences from Black Sabbath, Cathedral, Pentagram, Danzig , Slayer, Dimmu Borgir first albums... well it's all about riffs and what we can say it has a wide range to satisfy everyone. Inspired by HP lovecraft world this might talks to you. A good and interesting album.
 
 
- HEATHEN HARVEST : http://heathenharvest.org/2014/12/24/bretus-the-shadow-over-innsmouth/
 
Perhaps not as moody, trippy, or inclined to phantasmagoria as many of their fellow countrymen, Italy’s Bretus do not fail to deliver a highly enjoyable, albeit relatively straight-forward doom release that is a worthy successor to the band’s stellar debut, In Onirica. With H.P. Lovecraft serving as the band’s inspiration and patron saint of cosmicism and doom this time around, The Shadow over Innsmouth has an overall darker vibe than In Onirica and also reels in some of the hard rock influences that permeated the debut in favor of a gloomier, more traditional approach. The end result may seem deceptively less dynamic, but The Shadow over Innsmouth is an overall more cohesive album from start to finish with enough subtlety to keep the listener coming back for more.
 
 
If anything, The Shadow over Innsmouth proves that Bretus have mastered the art of mid-paced doom. A fair share of inspired and inventive riffs, numerous tempo changes, and the vocals of Marko Veraldi (credited as Zagarus) give Bretus a unique edge that helps to separate them from the horde of like-minded acolytes of traditional doom. These elements couldn’t be any clearer than on the completely gratifying track “Captain Obed Marsh.” Bretus are far from being a “retro” band, but the slightly sinister main riff of “Captain Obed Marsh” is a fist-pumping, adrenalized rocker straight from the early days of heavy metal. Pair this with Veraldi’s deep, slightly gritty croon and a perfectly placed wailing lead guitar, and “Captain Obed Marsh” shines as one of the album’s most infectious tunes.
 
Though Bretus play it a bit straighter than many of their Italian contemporaries, The Shadow over Innsmouth is embellished with brief atmospheric passages and samples that, to a degree, aid in tying the album’s tracks to the literary themes of Lovecraft, particularly to the tales revolving around Innsmouth and Dagon. “Intro” opens the album and establishes an ominous mood with field recordings of falling rain and crashing thunder, as well as the rise and ebb of distorted notes before “The Curse of Innsmouth” roars from the deep. Likewise, crashing waves and distant chants introduce the tale of the ill-fated patriarch of the Marsh family and founder of the Esoteric Order of Dagon in “Captain Obed Marsh.” A somber, extended acoustic passage effectively introduces “The Oath of Dagon”–a tune that heaves and lurches forward under its own weight before almost coming to complete halt that is bathed in feedback and lumbering drums. The track momentarily regains a semblance of life and the all too brief introduction of synthesizer adds an otherworldly dimension during the last remaining moments of the tune.
 
Really, the only criticism that could be leveled against Bretus’ The Shadow over Innsmouth is that perhaps the music is not quite creepy or surreal enough in comparison to the subject matter. While that was my initial impression, subsequent spins of the album seem to reveal more layers and the atmospheric touches, though sparse, expose a subtle yet threatening atmosphere lurking just beneath surface. I’ve been anticipating this album since the beginning of the year when the band and other devout followers began to circulate the single “The Haunter of the Dark,” which seemed to indicate that a darker path was underway for the band. The Shadow over Innsmouth does indeed pick up where they left off and the result is one fine doom album.
 
 
- ERASKOR: http://www.eraskor.com/blog/recensioni/bretus-the-shadow-over-innsmouth-bloodrock-records-2015/
 
Eravamo rimasti all’uscita di Dark Cloaks, ep del 2009 (recensione), nel frattempo i calabresi Bretus hanno continuato la loro marcia doom / stoner / sludge e psichedelica con la ripubblicazione di Bretus, poi successivamente il full lenght “In Onirica” e uno split con i Black Capricorn.
 
Ora è la volta del secondo full “The Shadow Over Innsmouth”, un fluttuante stato d’animo oscuro e fumoso, rock plumbeo e semplice. Song che incalzano la mente secondo dopo secondo, timore dopo timore. La band in 6 anni dimostra di aver fatto larga esperienza e di aver saputo metterla a frutto.
 
Un nuovo dischetto ricco di fascino e parsimonia, probabilmente, se dobbiamo proprio cercare un aspetto negativo, possiamo solo menzionare una certa tediosità strumentale in alcuni frangenti, ma oserei dire insignificante.
 
Un ritorno che saprà farsi strada tra gli appassionati degli anni settanta.
 

 

Media: